Premio Silvia Dell’Orso 2017: Menzione Speciale per il progetto educativo Nel/Col/Dal Museo Fattori

Il Premio Silvia Dell’Orso è l’unico riconoscimento in Italia per chi si impegna nella comunicazione rigorosa e puntuale delle problematiche inerenti i beni culturali. È conferito ogni anno, dal 2010, dal Comitato scientifico dell’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso oggi composto da Annalisa Cicerchia, Pietro Clemente, Marisa Dalai Emiliani, Francesco Erbani, Mario Turci e Paolo Cavaglione.

“Il Premio – sottolinea Paolo Cavaglione presidente dell’Associazione – è il momento più rappresentativo dell’azione che pone la divulgazione al centro delle nostre attività. L’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso (www.a-sdo.org) è l’unica, in Italia, che promuove e incentiva la corretta divulgazione quale strumento imprescindibile per formare nei cittadini consapevolezza e sensibilità verso il proprio patrimonio culturale”.

Il Comitato ha conferito l’8° edizione del Premio per il miglior lavoro di divulgazione nell’ambito dei beni culturali a Studio Azzurro di Milano. Ha inoltre assegnato due menzioni speciali: all’Associazione Amici del Monumentale di Milano per il volume La piccola città di Carla De Bernardi e Lalla Fumagalli; ad Antonella Gioli, Sara Bruni, Lorenzo Carletti e Marina Sabatini dell’Università di Pisa per il progetto educativo Nel/Col/Dal Museo civico Fattori di Livorno: opere, percorsi, link.

La consegna del Premio avverrà nel corso di una cerimonia pubblica venerdì 15 dicembre alle 18.30 al Salone di Banca Prossima (Largo Bortolo Belotti, Milano, ingresso libero).

MENZIONE SPECIALE A

Antonella Gioli, Sara Bruni, Lorenzo Carletti e Marina Sabatini

autori del progetto educativo Nel/Col/Dal Museo civico Fattori di Livorno: opere, percorsi, link.

con la seguente motivazione:

“Per aver realizzato un progetto esemplare di educazione al patrimonio culturale dedicato ai giovani cittadini in formazione e ai loro insegnanti. Le conoscenze e le molteplici fonti documentarie promuovono l’interdisciplinarietà e animano percorsi tematici, materiali e strumenti innovativi per consentire esperienze significative di conoscenza ed elaborazione da parte degli alunni non solo delle opere del Museo, ma anche dei paesaggi culturali della Città, della Storia e delle storie che li rendono vivi e attuali.”

 

Il progetto, vincitore di un concorso nazionale del Ministero Istruzione Università e Ricerca, è stato ideato e sviluppato da un gruppo di lavoro, guidato da Antonella Gioli, del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa in collaborazione con il Comune di Livorno.

Suoi prodotti sono 6 Guide tematiche (Livorno di terra e di mare, Livornesi, Lavoro, Storia e storie, Storia e storie dell’arte, La vita delle opere) e il libro nel/col/dal Museo civico Fattori di Livorno: opere, percorsi, link. Guida al Progetto didattico (editi da Sillabe di Livorno), corredati da album di Schede didattiche digitali. Dopo la felice sperimentazione nell’a.s 2016/17, a cui hanno partecipato numerose classi di Scuole Primarie, Secondarie di 1° e di 2° grado, il Progetto è, grazie all’accordo tra Comune di Livorno e Università di Pisa, anche questo anno offerto gratuitamente alle scuole del territorio livornese.

 

________________________________________________________________________

* Silvia Dell’Orso (1956-2009), giornalista e saggista impegnata nella divulgazione di temi legati ai beni culturali e ambientali, alle arti visive e ai musei ha collaborato per molti anni ai più importanti quotidiani e periodici italiani (Repubblica, la Voce, l’Espresso,”D”, il Giornale dell’Arte), è stata responsabile dei rapporti istituzionali del FAI – Fondo Ambiente Italiano e ha pubblicato, tra l’altro, Altro che musei, la questione dei beni culturali in Italia (Laterza 2002), Quale eccellenza, libro-intervista a S.Settis su La Normale di Pisa (Laterza 2005) e Musei e territorio, una scommessa italiana (Electa 2009). Il suo nome è stato iscritto nel Famedio del Cimitero Monumentale di Milano per il suo contributo alla crescita culturale della città.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Google+0